Smaltire rifiuti a Roma

Quando si parla di smaltimento dei rifiuti ci sono tanti fattori da considerare. Il pensiero corre sempre ai rifiuti prodotti in ambito domestico, ma tra questi rientrano anche le cose vecchie e ingombranti presenti in casa o in ufficio e molto altro. Per questo motivo il tema dello smaltimento dei rifiuti è piuttosto delicato da affrontare e soprattutto vanno seguite regole specifiche in base alla norma di legge in materia che persegue anche l’obiettivo di tutelare l’ambiente. Queste e molte altre informazioni sono disponibili su www.smaltimento-rifiuti-roma.it.

 

Smaltimento dei rifiuti oggi: cosa fare

Oggi come oggi lo smaltimento dei rifiuti è diventato uno dei grandi problemi che ci coinvolge maggiormente, soprattutto per quel che riguarda la tutela dell’ambiente e la riduzione dello spreco dei nuovi materiali. I rifiuti che produciamo, in casa o per lavoro, nella vita di tutti i giorni, sono di diverso tipo e sono classificati in modo diverso.

Si parla di:

  • rifiuti urbani,
  • rifiuti speciali,
  • rifiuti ingombranti.

A questi si aggiungono i rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

Come esistono diversi tipi di rifiuti esistono anche diverse tipologie di smaltimento dei rifiuti. Per lo smaltimento, infatti, si può ricorrere alla discarica, all’inceneritore, al compostaggio o al trattamento in altri impianti specializzati e al riciclo. Per diverso tempo si è usufruito del lavoro delle discariche in quanto più economiche, ma per smaltire bene i rifiuti non si può prescindere dalla loro classificazione, perché è proprio in base a questo che si individua la piattaforma di destinazione finale.

Tipologie di rifiuti

I rifiuti urbani sono quelli che vengono prodotti all’interno dell’abitazione o dalla gestione di ambienti civili, vengono gestiti dall’amministrazione pubblica e in questo gruppo rientrano i rifiuti domestici, anche ingombranti, ma sempre derivanti da ambienti e locali adibiti ad abitazione. A questi si aggiungono i rifiuti non pericolosi, quelli provenienti dalle strade, i rifiuti vegetali e quelli provenienti da esumazioni ed estumulazioni. Vi sono poi i rifiuti speciali, quelli prodotti da aziende o industrie, gestiti tramite tecniche e procedure apposite. Si parla poi di rifiuti pericolosi per quelli che devono essere smaltiti tramite procedure particolari e possono derivare sia dai rifiuti urbani che da quelli speciali.