Le scommesse sportive in Italia: un settore che non conosce crisi

Da 20 anni esatti scommettere online sulle principali piattaforme è possibile anche nel nostro paese, rivoluzionando di fatto le abitudini degli appassionati, con la definitiva scomparsa della cara, vecchia schedina del Totocalcio e degli altri tradizionali modi di fare giocate sulla nostra Serie A.

La comodità di scommettere sempre e dovunque

L’ampia offerta dei bookmakers oggi mette gli scommettitori in condizione di puntare dal proprio PC, senza di fatto recarsi nella più vicina agenzai di scommesse, grazie a conti di gioco online ai quali si può accedere con nome utente e password in modo semplice e veloce.

Inoltre esistono anche le apposite App per smartphone e tablet, con le quali piazzare proprie giocate dovunque e in qualunque momento, moltiplicando così le possibilità di gioco.

La possibilità di scommettere da remoto si combina bene con le nostre abitudini moderne, che ci vedono costantemente connessi ad internet in ogni momento della giornata; ecco quindi che piazzare una giocata quando si è in pausa pranzo direttamente dall’ufficio, o direttamente sdraiati in riva al mare quando si è in ferie, è divenuto facile e veloce, ma soprattutto è diventata un’abitudine sempre più radicata, data la sua immediatezza.

Di qui si spiega la costante corsa all’ammodernamento da parte dei bookmakers, che cercano di trovare nuovi modi per offrire la possibilità di scommettere in maniera sempre più comoda e rapida.

Un fatturato record nel 2017

L’incremento dell’offerta agli scommettitori, unita all’innovazione tecnologica, ha negli ultimi 3 anni quasi triplicato il fatturato dei principali bookmakers all’interno del mercato italiano, i quali sono l’unico settore economico che dal 2008 ad oggi praticamente non hanno conosciuto alcuna crisi.

Per citare qualche dato, nel 2017 i siti specializzati hanno raccolto nel nostro paese ben 10 miliardi di euro sotto forma di scommesse, con 8,6 miliardi di vincite pagate.

Per quanto riguarda invece la spesa effettiva degli scommettitori italiani dello scorso anno, questa è stata pari a 1,33 milioni di euro, con un incremento del 44,5% rispetto al 2016, anno in cui raccolta di scommesse ha toccato quota 9,9 miliardi di euro.

Un’offerta mai così ampia nel nostro paese

Altro fattore che ha determinato il boom di scommesse in Italia è la varietà di eventi sportivi su cui puntare che viene proposta dalle varie piattaforme: infatti se fino alla fine degli Anni ’90 si poteva scommettere solo sulla Serie A, sulle corse dei cavalli e su altri eventi selezionati, oggi i bookmakers danno la possibilità di scommettere su sport quali basket, automobilismo, motociclismo, golf, tennis, pallavolo e molto altro ancora.

Per quanto riguarda poi i campionati di calcio – tuttora il vero core business del betting online – oggi è possibile scommettere praticamente su ogni torneo presente sul pianeta, passando dalla Bundesliga e arrivando alla Ligue 1, passando per il campionato brasiliano e quello argentino.

I bonus scommesse: il vero modo per aumentare le scommesse online

Ma quello che tuttora costituisce un grande impulso alle scommesse online sono i bonus scommesse dei siti, che invogliano gli utenti ad iscriversi al portale, approfittando di un incentivo di natura economica rivolto ai nuovi giocatori.

Questa modalità di comportamento delle piattaforme è una manovra di marketing molto abile, tesa a fidelizzare l’utente con un incentivo economico che però è soggetto a limitazioni ben precise: infatti il bonus di benvenuto più utilizzato è vincolato al deposito di una cifra minima sul conto di deposito.

Detto in altri termini, se volete beneficiare del bonus dovete prima versare del denaro e poi vedrete accreditato anche il bonus stesso, il quale spesso è unicamente re-investibile in altre puntate e non prelevabile.

Per ottenere il bonus di solito si deve inserire all’interno di un form un codice apposito, che vi verrà fornito via SMS o tramite l’indirizzo di posta elettronica che avrete fornito per aprire l’account di gioco.

Una volta accreditata la somma e inserito il codice, dopo verifica il bookmaker sbloccherà la somma omaggio e potrete così cominciare la vostra avventura nel mondo del betting online.

Altre tipologie di bonus in voga tra i bookmakers

Un’altra forma di incentivo al gioco è il cosiddetto bonus cashback, ossia quello che rimborsa una percentuale parziale o addirittura l’intero importo della scommessa piazzata dopo che l’utente si è registrato sulla piattaforma.

Un meccanismo molto simile a quello del rimborso è quello della prima scommessa gratuita, la quale viene per l’appunto offerta dal bookmaker ai nuovi clienti e che in caso di vincita fornisce un lauto guadagno senza spendere un solo centesimo, mentre in caso di perdita vi sarete divertiti a scommettere con soldi non vostri.

Infine molto frequente è la maggiorazione delle quote per i nuovi utenti, applicata ad eventi sportivi ben definiti, che permette ai nuovi utenti registrati di avere una percentuale maggiore di guadagno rispetto a quella che la piattaforma offre ai clienti di vecchia data: infatti spesso le quote sono incrementate anche del 30% rispetto a quella normale.