I vantaggi della cottura sottovuoto

I metodi di cottura variano a seconda dei gusti, delle esigenze e perché no, anche a seconda del tempo che si ha a disposizione, si va dalla cottura veloce a quella lenta, per chi ama assaporare il profumo del cibo che cuoce, a quella a vapore per dei piatti più leggeri e salutari.

Ma forse pochi conoscono la cucina sottovuoto, ovvero un modo innovativo di preparare gli alimenti, il procedimento è alquanto semplice, basta chiudere il cibo in un sacchetto per la surgelazione, sigillarlo, immergerlo in acqua calda, prestando attenzione alla temperatura, che deve essere costante.

Con questa tecnica il calore non va a colpire direttamente gli ingredienti, ma si avrà un passaggio indiretto attraverso l’acqua.

I vantaggi di questo speciale tipo di cottura sono diversi, primo fra tutti un miglior gusto dei cibi che viene esaltato ed arricchito, infatti ad una temperatura bassa ma costante anche di parecchie ore, si evitano gli sbalzi o le variazioni termiche che vanno ad influenzare il risultato finale.

Il cibo risulta morbido, tenero e soprattutto succoso, si preserva la struttura cellulare del prodotto all’origine, i liquidi racchiusi nel sacchetto non vengono dispersi nell’acqua, conservando così le tutte le vitamine, anche gran parte di quelle idro solubili.

Si preservano i nutrienti e le proprietà organolettiche, elementi indispensabili al benessere dell’organismo, inoltre mancando l’aria e di conseguenza l’ossigeno, si evita l’ossidazione degli alimenti, anche l’aspetto è diverso, le carni sono più rosee e le verdure più brillanti.

I succhi della carne che non vengono dispersi formano un’ottima base di cottura, non necessita quindi l’aggiunta di grassi o di altri condimenti, si potranno gustare piatti leggerissimi e morbidi da sciogliersi in bocca.

Senza dimenticare che la macchina per sottovuoto può essere un’originale idea regalo! Con il sottovuoto gli aromi delle spezie impiegate penetrano nell’alimento, favorendo l’esaltazione del gusto, è un modo sano per ridurre la quantità di sale per insaporire, ma gustando un alimento dal sapore intenso e cotto in maniera uniforme.